Tonina Garofalo

 

 

Home L'artista I quadri Arte sacra Altra produzione Mostre personali Mostre collettive Rassegna stampa Contatti

 

 

 

 

Home

 

 

 

 Serie Hollywood

 

 


 

Tonina Garofalo è una delle più autonome espressioni della pittura in Calabria, con diretti e consapevoli rapporti nel modo dell'arte internazionale. La sua formazione è romana, negli anni più intensi dell'Accademia di Belle Arti, dopo le innovazioni deguite ai movimenti del '68.

All'Accademia ha avuto tra i docenti, che la seguiranno nelle successive mostre, tra il 1974 ed il 1977, maestri quali Franco Gentilini e Luigi Montanarini. Questi ne rilevò, a parte la mestria del mestiere, "le conoscenze artistiche attuali", riferendosi all'inserimento della pittrice nelle correnti più avanzate della ricerca, specie compositiva.

Primo a segnalare la Garofalo era, in tale linea, Cesare Vivaldi registrando l'approdo "a modi non lontani da quelli di tendenze attualissime come la transavanguardia".

La pittura della Garofalo si sviluppa in un incontro tra figurazione e astrazione, che anticipa momenti d'oggi, contrastando figure e paesaggio "con forme astratte scagliate veementemente nello spazio".

Si interessano di lei, prima di un rientro nella terra nativa (anche docente di Figura disegnata al Liceo Artistico di Cosenza), Filiberto Menna, Franco Miele, Toni Bonavita.

La ricerca culturale prosegue in Calabria, intanto sposa e madre, con residenza a Fiumefreddo Bruzio, alta sul Tirreno. Le mostre romane, dao fratelli Russo e al Palazzo delle Esposizioni, sono un momento intermedio, sino a una ripresa espositiva in atto.

Dopo una mostra-incontro al "Quadrato di Idea" (Roma 1989, presentata da Luigi Tallarico e Giuseppe Selvaggi), seguono mostre in gallerie meridionali.

 

(dal Catalogo XXII Premio Sulmona, a cura di Giuseppe Selvaggi)

 

 

 

Tonina Garofalo is one of the most autonomous and original expressions of painting  in Calabria,with direct and conscious relations in the in world of international art.
She studied in Rome during the very intense and stimulating years of the Accademia  delle Belle Arti,after the various innovations that followed the movements and ferments of 1968.

Between 1974 and 1977 amongst her  professors,who will follow her  during the exhibitions of that period,we can find names such as Franco Gentilini and Luigi Montanarini. This latter understood and underlined  'the contemporary
artistical knowledge',with reference to the ability of the artist to be part of the most advanced trends in researching a new composition. Amongst the first to discover Tonina under this aspect  has been Cesare Vivaldi.

Tonina Garofalo's work develops in a fusion between abstraction and figuration, anticipating contemporary moments and putting in contrast figures and landscape 'with the use of abstract shapes flung passionately in space'.

Her cultural research continues in Calabria where she lives, in Fiumefreddo Bruzio, on the Tirrenean Sea. There she got married and had two children.

During her carreer she had exhibitions at the Galleria Russo and at the Palazzo delle Esposizioni in Rome.

In 1989 she exhibited at 'Quadrato di Idea',again in Rome, for a meeting-exhibition presented by Luigi Tallarico and Giuseppe Selvaggi.
Many other exhibitions in Southern Italy have been, and currently are, part of her curricula.

 

(from the XXII Premio Sulmona catalogue, curated by G. Selvaggi)

 

 

 

 

 

Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici.

 

 

 

© Tonina Garofalo 2017

P.I. 02077850788